Contest "Musica contro le mafie": concorre anche un castellanetano

Attualità
visibility1007 - lunedì 09 novembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Lù Colangelo
Lù Colangelo ©

Il brano intitolato “Risveglio di un Mare” dedicato alla città di Taranto, scritto e composto dal castellanetano Lu Colangelo (in foto) concorre all’interno del contest "Musica contro le mafie".

Il brano è stato pubblicato a marzo 2020, quando l’emergenza sanitaria dovuta al covid19 per la prima volta sconvolgeva drammaticamente l’intero pianeta; quindi ha acquisito nuove e molteplici emozioni, tra le quali l’esortazione a ritrovare sempre nuove energie.

I brani in concorso sono ora sottoposti alle 3 giurie: Responsabile, Studentesca, Social (E’ possibile votare entro il 22 novembre _ Avviare il link con il login già effettuato a Facebook e cliccare il pulsante -VOTA-).

Lu chiede il supporto di tutti, affinché il brano ed il messaggio contenuto al suo interno possa arrivare a più persone possibile. Di seguito il link per poter votare il brano (si può anche riascoltare il brano, leggere il testo e il tema/l’emozione che ha dato ispirazione per la composizione).

LINK:

https://pr.easypromosapp.com/voteme/899299/636807033?lc=ita

Tema/l’emozione che ha dato ispirazione per la composizione:

Il brano “Risveglio di un Mare”(accluso nel disco “Avverbio”) rappresenta, attraverso scenari emozionaliin una visione onirica, la forza dei bambini e di tutti i cittadini di Taranto; afflitti dal dolore per le continue perdite di parenti ed amici, tutto ciò dovuto ad i veleni prodotti dall’acciaieria. Un incessante strazio, anche per il ricatto morale imposto, la scelta fra in diritto alla vita o quello al lavoro; in una città ormai da anni schiava anche di chi approfitta illegalmente della situazione per puro profitto economico. All’interno delle strofe del brano, appelli idealmente lanciati da i Bambini a politici e dirigenti con l'intento di mostrare una realtà che è possibile cambiare; il ritornello invece un inno di gioia alla semplicità e alla forza che dimostra la città di Taranto.