San Silvestro a Mottola: Polizia Locale "a caccia" di veglioni abusivi

Cronaca
visibility2926 - giovedì 31 dicembre 2020
di Andrea Carbotti
Più informazioni su
I controlli di stamattina
I controlli di stamattina ©

Tutti a casa, si esce solo per necessità e con autocertificazione al seguito. Coprifuoco più lungo, questa notte, e controlli a tappeto per l'ultimo dell'anno.

Nel territorio di Mottola, il piano è quello già collaudato a Pasqua: posti di blocco a imbuto sulle più importanti arterie, pattuglie in giro per le campagne e volontari impegnati fino a tarda sera.

Così la Polizia Locale, agli ordini del comandante Vito Caramia, sarà in campo per evitare feste private e assembramenti, anche all'aperto, dove la notte di San Silvestro solitamente si festeggiava tra intrattenimenti, concerti e brindisi con gli amici.

Infatti, tra i mottolesi che si preparano al capodanno c'è anche il partito della festa a tutti i costi. Motivo per cui il comando dei vigili, d'accordo con la stazione dei carabinieri, sta già realizzando controlli per scovare eventuali feste clandestine.

Le pattuglie, già dalle prime ore di questa mattina, hanno mostrato la paletta a decine di mottolesi, controllato code agli ingressi dei supermercati, perlustrato viali e giardini: «E speriamo che il messaggio sia passato», commenta a fine turno un ispettore.

«Ci appelliamo al buon senso dei cittadini - aggiunge ai nostri microfoni il sindaco Giampiero Barulli -. Si tratta di di fare un ultimo sacrificio per arrestare la pandemia, dobbiamo remare tutti dalla stessa parte».

Un sacrificio che, come si apprende dal sindaco, assume un doppio valore per la città. Negli ultimi giorni, infatti, i contagi fra i mottolesi sono molto diminuiti: «Ciascuno al proprio posto senza polemiche - spiega il primo cittadino -: i contagi e i ricoveri sono in continuo calo, sarebbe un peccato vanificare tutti gli sforzi».

Andrea Carbotti