Cellamare lancia l’allarme: “Subito due pediatri al San Pio, non diamogli il colpo di grazia”

Cronaca
visibility5508 - martedì 31 marzo 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Alfredo Cellamare assessore ai Servizi Sociali
Alfredo Cellamare assessore ai Servizi Sociali © .

“Bisogna reperire subito almeno due nuovi pediatri per rilanciare il reparto del San Pio e permettere al Punto Nascita (ora sospeso) e a Ginecologia-Ostetricia di ricominciare a lavorare a pieno regime”.

L’appello rivolto alla Regione Puglia è di Alfredo Cellamare, assessore ai Servizi Sociali con delega alla Sanità del Comune di Castellaneta.

“Il lavoro dei medici e del personale tutto della nostra Ostetricia viene vanificato dalla mancanza dei pediatri, con disagi per le donne che sono costrette a partorire altrove.

Il mio appello - rilancia Cellamare - va alla Regione e a tutti consiglieri regionali del territorio che forse hanno dimenticato, non tutti per la verità, il nostro ospedale: un nosocomio che ha bisogno di ripartire celermente con tutte le sicurezze sanitarie previste”.

Per Cellamare, dunque, solo l’arrivo di almeno due nuovi pediatri potrebbe sbloccare una situazione che sta penalizzando l’intero territorio.

“Servono immediati accordi con le sigle sindacali; servono, in sintesi, atti concreti e non passerelle.

Ogni esponente politico regionale e nazionale del territorio (parlamentari compresi) si metta una mano sulla coscienza e si chieda cosa stia facendo in questo momento così drammatico per l’ospedale San Pio.

Non diamo il colpo di grazia al nostro nosocomio - la chiosa di Cellamare -.

Da parte mia, de sindaco e dell‘Intera amministrazione, un sincero ringraziamento a tutto il personale sanitario, per la grande dimostrazione di professionalità e umanità che ogni giorno dimostra a difesa dei pazienti e del territorio”