Sequestro preventivo di quasi 4 milioni di euro: nei guai due aziende di Castellaneta

Cronaca
visibility9898 - mercoledì 11 novembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Guardia di Finanza
Guardia di Finanza © Web

La Guardia di Finanza di Taranto ha eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, per un totale di 3 milioni e 865 mila euro.

Il provvedimento cautelare consegue ad una verifica fiscale eseguita dalle Fiamme Gialle tarantine nel gennaio 2019 nei confronti di una società con sede a Castellaneta Marina ed esercente l’attività di coltivazioni agricole.

Nel corso dell’attività ispettiva, conclusasi con la constatazione di indebite deduzioni di costi per 5 milioni e 900 mila euro e dell’evasione di iva per 236 mila euro, è stato anche accertato che la società, al fine di sottrarsi al pagamento delle imposte e rendere inefficace una eventuale procedura di riscossione coattiva, aveva simulato, tramite false dichiarazioni, il trasferimento di propri beni immobili ad altra società di Castellaneta, anch’essa operante nel settore agricolo e riconducibile alla stessa famiglia imprenditoriale.

Per questo motivo, entrambi i rappresentanti delle imprese sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per i reati di “dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti”, “sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte”, nonché “falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico”.

In particolare, con il decreto magistratuale, sono stati sequestrati beni e disponibilità finanziarie nei confronti della società di Castellaneta Marina e del suo rappresentante legale, fino alla concorrenza di 1 milione e 845 mila euro, pari all’ammontare complessivo delle imposte evase; sequestrati beni e disponibilità finanziarie anche nei confront di entrambi gli imprenditori denunziati, fino alla concorrenza dell’importo di 2 milioni e 20 mila euro, corrispondente al valore degli immobili fraudolentemente trasferiti.