Tavolo Verde e Palagianello Bene Comune: «I soldi delle gelate 2017 direttamente all'Inps»

Politica
visibility313 - giovedì 28 gennaio 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Nevicata gennaio 2017 - Foto di repertorio
Nevicata gennaio 2017 - Foto di repertorio © Luigi Serio

I contributi regionali per una serie di gelate invernali sono finiti direttamente nelle casse dell'Inps.

Con questa tesi, riferita alla grande nevicata di gennaio 2017, i rappresentanti di Tavolo Verde e Palagianello Bene Comune hanno scritto ai sindaci del versante occidentale.

Gli autori hanno spiegato che le amministrazioni non versano in nessun caso gli aiuti a chi non è in regola con i pagamenti, anzi segnalano la circostanza agli agenti della riscossione.

«In tale contesto - si legge nella missiva -, il consolidamento delle passività si è rilevato un meccanismo perverso e fortemente alterato, che ha prodotto, nel tempo, più danni che benefici».

Infatti, qualsiasi contributo è stato trattenuto dalle banche per consolidare, appunto, le passività pregresse: «Ovvio - chiosano gli scriventi - che in tali cifre venivano fatti passare inosservati interessi. La banca consolidava una passività e il debito poteva così continuare a crescere all’infinito».

Così agli agricoltori, nel corso degli anni, sarebbero state sottratte cifre di gran lunga superiori al al loro credito. E tutto ciò, unito ad altre procedure esecutive, sarebbe "iniquo" e "ingiusto", per cui sarebbe giunto il momento di abbandonare l’idea di un irreversibile stato di sovraindebitamento degli agricoltori.

«Invece è opportuno - concludono Paolo Rubino, Pietro Ricci, Maria Grazia Mellone e Mino Antonicelli - che i sindaci possono avere un ruolo di stimolo e propulsione verso i governi centrali affinchè si possa favorire il superamento di questa situazione, per riportare in bonis gli agricoltori».