Palagianello, duro botta e risposta tra maggioranza e opposizione

Politica
visibility385 - sabato 27 febbraio 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Il Municipio di Palagianello
Il Municipio di Palagianello © ViViWebTv

"Palagianello Ricominciamo" lancia una stilettata, la Maggioranza Borracci risponde per le rime. Tutto, come spesso accade, è avvenuto su Facebook e rispettivamente sulle pagine del movimento politico che fa capo ai consilieri di opposizione Marco Natale e Giuseppe Gasparre e su "Palagianello per la Libertà", quartier generale social della squadra di governo di Maria Rosaria Borracci.

«Prendiamo atto - l'accusa di Natale e Gasparre - che mentre i paesi limitrofi intercettano cospicui finanziamenti di provenienza ministeriale e regionale, Palagianello resta a guardare, con l'Amministrazione capace in tre anni di inaugurare opere pubbliche precedentemente realizzate. Il tutto mentre  lo stadio comunale è ormai utilizzato come campo di pascolo per greggi di pecore.

Se da una parte registriamo l'incapacità di reperire finanziamenti sul territorio - rincara la dose "Palagianello Ricominciamo" - dall'altra ci auguriamo di non essere destinatari di un debito trentennale con cassa depositi e prestiti, per un importo di 1.493.500 euro a carico di questa comunità»; il riferimento è alla delibera di giunta n.81 che l'opposizione chiede di revocare, relativa allo studio di fattibilità per lavori di manutenzione straordinaria delle strade comunali urbane.

«Gli amministratori lavorano per il benessere e lo sviluppo delle comunità locali anche quando vengono distratti dalle bugie di un'opposizione politica che cerca in tutti i modi di confutare la verità delle cose». 

Questa la risposta della Maggioranza Borracci, che rispedisce tutte le accuse al mittente: «Il buon amministratore sa che governare significa affrontare i problemi della comunità, sa che è meglio un’idea buona messa in pratica che un’idea ottima rimasta incompiuta.

In questi anni di amministrazione Borracci abbiamo cercato di portare a termine diverse opere che erano rimaste incompiute, infatti, non è sufficiente reperire i fondi per realizzarle, occorre soprattutto trovare le soluzioni per gestirle così da offrire servizi alla collettività.

E' il caso della "Casa della salute"  polo sanitario e assistenziale, affidato oltre che all'ASL anche ai medici di base e ad associazioni e cooperative del territorio; l'ex mercato coperto affidato, dopo regolare gara, per attività di commercio alimentare. Proprio queste due strutture oltre a non rappresentare dei costi per la collettività in termini di spese di gestione portano delle entrate, circa 40.000 euro annui per canoni di locazione.

Un'attenta amministrazione - prosegue l'Amministrazione Borracci - oltre a partecipare a bandi di gara, e sono molteplici quelli a cui abbiamo partecipato, deve saper investire i propri introiti nel migliorare il patrimonio pubblico. Ed è per questo che rifaremo il manto stradale dell'intero territorio comunale, investendo quelle entrate e risparmiando sulle continue riparazioni annuali che ammontano a circa 40.000 euro.

Sul cimitero rendiconteremo a breve, una cosa è certa i soldi versati dai cittadini sono vincolati e serviranno a realizzare l'opera che partirà entro l'estate.

Sul viale del tramonto - la chiosa del gruppo di maggioranza - lasciamo la vecchia politica e i loro rappresentati che accecati dal rancore vorrebbero mistificare la realtà».