Definizione agevolata delle entrate e question time nella prossima assise palagianellese

Politica
visibility237 - giovedì 27 giugno 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Antonio Coriglione, presidente del Consiglio comunale di Palagianello
Antonio Coriglione, presidente del Consiglio comunale di Palagianello © ViviWebTv

Il presidente del Consiglio comunale di Palagianello Antonio Coriglione (in foto) ha convocato la massima assise comunale.

Venerdì 28 giugno, alle 9 ,nella sala consiliare Katia Stasolla, maggioranza e opposizioni si ritroveranno per discutere 5 punti all'ordine del giorno, tra i quali certamente spiccano la definizione agevolata delle entrate degli enti locali ed il question time civico.

«Discuteremo e voteremo l'approvazione del regolamento circa la definizione agevolata delle entrate degli enti locali - il commento di Coriglione -. Oggetto della definizione agevolata saranno tutti i decreti di ingiunzione di pagamento notificati ai cittadini palagianellesi dal 2000 al 2017. In particolare l’adesione prevederà lo stralcio delle sanzioni per i tributi, e l’azzeramento degli interessi o della maggiorazione di un decimo ogni semestre per le multe.

Ad approvazione, le richieste di definizione agevolata potranno essere presentare al Comune o al concessionario per la riscossione entro il 30 settembre 2019 e potranno essere rateizzate fino a un massimo di 8 rate».

Come detto, si discuterà anche del question time civico: uno strumento volto ad avvicinare cittadini e istituzione.

«Sarà utilissimo - spiega Coriglione - perché consentirà ai cittadini di porre all’attenzione del sindaco, del presidente del Consiglio, degli assessori, dei consiglieri delegati e dei presidenti delle commissioni consiliari, domande su argomenti riguardanti la vita e fatti riguardanti il proprio paese affidando agli stessi un principio di partecipazione.

Inoltre - ha concluso il presidente - la seduta consiliare prevederà la discussione di altri 4 punti riguardanti la variazione al programma triennale lavori pubblici, una variazione di bilancio, l’applicazione della quota vincolata all’avanzo di amministrazione 2018 e la richiesta alla Regione di sdemanializzazione ed alienazione terreni di uso civico».