22 NOVEMBRE: SANTA CECILIA E LE PETTOLE

La redazione Vivi inForma
visibility76 - ViviWebTv - mercoledì 22 novembre 2017
22 NOVEMBRE: SANTA CECILIA E LE PETTOLE
22 NOVEMBRE: SANTA CECILIA E LE PETTOLE © n.c.

Le pettole (o meglio, “le pittule”) rappresentano ormai da molti anni la vera tradizione della cucina pugliese soprattutto del Salento.

La frittura è da usarsi OCCASIONALMENTE e si sa che una di queste occasioni sarà per le PETTOLE PUGLIESI. Ma almeno facciamolo al meglio!

COME?
Utilizzando la farina Senatore Cappelli per il suo impasto e utilizzando SOLO olio extravergine d'oliva per friggerle!
Perchè è l'unico olio ad avere un PUNTO FUMO alto, ovvero si innescano più lentamente i processi ossidativi/degradativi dell'olio, che sono quelli responsabili della cattiva salubrità di questo metodo di cottura.

Per chi non avesse mai provato a preparare le pettole, ecco una ricetta autentica semplice e veloce:

Ingredienti:
500 g di Semola Rimacinata Senatore Cappelli
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
12 g di sale fino
20 g di lievito di birra
400 ml d acqua gassata tiepida
olio extravergine d’oliva per la frittura

Alcuni consigli:
1. È importante che l’acqua sia gassata affinché la massa resti soffice e morbida all’interno al momento della frittura. Dovete avere la sensazione di mangiare una nuvola!
2. La temperatura dell’olio è fondamentale: deve essere decisamente bollente prima di friggere le pettole. Il metodo più casalingo per capire se la temperatura è quella giusta è quello di puntare uno stuzzicadenti nell’olio caldo; se fa tante bollicine, dovrebbe essere a temperatura giusta!

Dott.ssa Graziana Ascoli – Biologa Nutrizionista
Pagina Facebook: STUDIO DI NUTRIZIONE & DIETETICA – Dott.ssa Graziana Ascoli

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti