DAL DEVASTANTE TERREMOTO DI NARDÒ AL PATROCINIO DI MARIA SS. DELLA SCALA

DAL DEVASTANTE TERREMOTO DI NARDÒ AL PATROCINIO DI MARIA SS. DELLA SCALA DAL DEVASTANTE TERREMOTO DI NARDÒ AL PATROCINIO DI MARIA SS. DELLA SCALA | © n.c.

La celebrazione della festa del patrocinio risale al 20 febbraio del 1743, allorquando, intorno alle ore 23, avvenne un devastante terremoto che colpì molte città del Salento. Il drammatico sisma, conosciuto come “terremoto di Nardò” poiché questa fu la località con il maggior numero di vittime (150), raggiunse magnitudo 7.1 della scala Richter, decima più forte scossa storica in Italia, e generò anche un maremoto con quote superiori a 10 metri.



Le scosse del terremoto furono avvertite in tutta Italia, ed in provincia di Taranto gravi danni si verificarono a Sava, Manduria, Avetrana, Maruggio, Lizzano e Taranto. Massafra rimase illesa e la popolazione attribuì lo scampato pericolo all’intercessione della Madonna della Scala. Da allora si iniziarono i voti e le petizioni che Maria SS. fosse proclamata “Principalis Patrona Civitatis Massafrae”.

All’epoca, benché vi fosse larga devozione verso la Madonna della Scala, il santo Patrono principale di Massafra era S. Michele Arcangelo.

Nell’anno 1776 per interessamento del Sindaco D. Carlo Torelli e del Can. D. Pietro Colaianni, che si recò appositamente a Roma a capo di una commissione, si ottenne da parte del Papa Pio VI conferma della elezione fatta dal Clero e dal popolo, che Maria SS. della Scala fosse invocata e ritenuta Patrona Principale di Massafra.

L’Ordinario Diocesano Mons. Idelfonzo Ortez con bolla 13 ottobre 1776 comunicava alla popolazione la concessione pontificia, e designava la prima domenica di maggio, quale data della festività della Madonna della Scala, mentre permetteva che, come prima volta, nello stesso 1776 la solennità fosse celebrata nella domenica successiva, cioè al 20 ottobre.

Pur entusiasta dello splendore della solennità esterna della Prima domenica di maggio, il cuore dei Massafresi tuttavia ebbe sempre cara la data del 20 febbraio.

Ed il 16 settembre 1836 il Sindaco D. Nicola Broya ottenne, dal Pontefice Gregorio XVI, un breve col quale si confermava e si riconosceva la festa del Patrocinio di Maria SS. della Scala al 20 di febbraio.

Tratto da “La Fiamma” Anno III n. ½ - Massafra 1960 (Don Paolo Ladiana)

Le notizie del giorno sul tuo smartphone
Ricevi gratuitamente ogni giorno le notizie della tua città direttamente sul tuo smartphone. Scarica Telegram e clicca qui

La Redazione - oggi, mar 28 giugno

«In aderenza alla volontà espressa dagli iscritti al "MoVimento 5 Stelle" in occasione dell’assemblea ...

La Redazione - oggi, mar 28 giugno

La "Marathon Massafra Junior" fa incetta di titoli nei "Campionati Provinciali Individuali". ...

La Redazione - oggi, mar 28 giugno

La comunità parrocchiale di San Lorenzo Martire di Massafra si stringe festosamente intorno a don Salvatore Di Trani, in occasione del ...

La Redazione - lun 27 giugno

Estate intensa per il massafrese Giuseppe D'Amati, che ha annunciato l’imminente arrivo del nuovo singolo inedito "Distanze". ...

La Redazione - lun 27 giugno

«Con grande rammarico rimetto il mio mandato da direttore sportivo nelle mani della società per la stagione calcistica 2022-2023». ...

La Redazione - lun 6 novembre 2017

Il 25 maggio 1915 parte il più grosso contingente di massafresi ...

La Redazione - lun 19 febbraio 2018

Alcuni, anzi e per fortuna tanti anni fa, la pagella aveva un valore non solo scolastico, ma rappresentava anche uno strumento ...

La Redazione - dom 12 febbraio 2017

Il Castello Medievale è il monumento più emblematico ...