"Patto Locale per la Lettura": Massafra dice si

Attualità
visibility344 - sabato 20 febbraio 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Biblioteca Comunale Paolo Catucci - Massafra
Biblioteca Comunale Paolo Catucci - Massafra ©

Massafra dice "si" al "Patto Locale per la Lettura", promosso dal Centro per il Libro e la Lettura e dal Mibact, con l’intento di sostenere la crescita socio-culturale attraverso la diffusione della lettura, come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva e di rendere il libro un’abitudine sociale allargando la base dei lettori.

Il sindaco Fabrizio Quarto e il consigliere incaricato alla "Biblioteca Comunale" Graziana Castellano (che dedica molta attenzione al “libro”) esprimono soddisfazione per un altro tassello posto sulla strada di una Città in cui la lettura “diventa protagonista”.

Infatti, per il secondo biennio, a Massafra è stata riconosciuta la qualifica di "Città che Legge".

Obiettivo primario del “Patto” è la promozione, sotto le varie forme, della lettura e della conoscenza, come fattori indispensabili per la costruzione di una società più consapevole e attenta. Saranno generati nuovi incontri, sperimentazioni e scambi virtuosi.

«Per contribuire alla realizzazione dell’iniziativa - ha affermato il consigliere Castellano - saranno invitati alla sottoscrizione del Patto (che avrà la durata di tre anni rinnovabili), tutti gli enti ed Associazioni che si candideranno a favorire la promozione della lettura e a collaborare nel rafforzare lo sviluppo del tessuto sociale.

Entro la fine del mese di febbraio saranno concluse le pratiche inerenti all’avviso pubblico e alla raccolta di adesioni al “Patto” (tra breve sarà possibile trovare ogni documentazione sul sito istituzionale www.comunedimassafra.it), importanza strategica per la rete sociale educativa».

«Oggi - concludono sindaco e consigliere - crediamo che un granaio di carta parlante, e di inchiostro respirante possa essere una delle chiavi per diventare cittadini del mondo».