"I luoghi raccontano": a Castellaneta la memoria rievoca la storia

Attualità
visibility781 - mercoledì 15 gennaio 2020
di La Redazione
Più informazioni su
la locandina
la locandina ©

Si svolgerà domenica 19 gennaio a partire dalle 18 nelle Officine Mercato Comunale, l'ultimo evento targato "Amici delle Gravine" di Castellaneta.

Si chiamerà "I luoghi raccontano": un evento che con un piede nel passato e lo sguardo al futuro, darà il via alla stagione culturale 2020.

La prima parte, come detto, si terrà nelle Officine di via del Mercato; la seconda, a partire dalle 19:30, nella fascinosa piazzetta delle "Tre Croci", per inaugurare un’opera che racconterà alle generazioni future la storia del brigante Antonio Locaso che in quella piazza ha esalato gli ultimi respiri-

Gli Amici delle Gravine, con questo evento, intendono offrire anche alle nuove generazioni la possibilità di tramandare la memoria di quei luoghi chiave che ci hanno permesso di essere ciò che siamo e che fungono anche da monito per il futuro.

Ospite della serata sarà lo scrittore e giornalista Gigi Di Fiore che fornirà una rilettura degli eventi che, intorno all’Unità d’Italia ed ai briganti, hanno disegnato la scottante “questione Meridionale”, ma soprattutto presenterà la sua ultima fatica letteraria
“Napoletanità”.

Dagli eventi di respiro nazionale si passerà a discutere della questione locale grazie alla professoressa Maria Carla Cassone, grande conoscitrice della storia del nostro territorio, nonché mentore della stessa associazione.

Durante l’evento numerosi saranno gli elementi e le ricostruzioni che cercheranno di suscitare una memoria collettiva che, lontana dal mero campanilismo, restituisca ai nostri luoghi dignità e radici ben salde su cui piantare un futuro comune.

Interverranno all’evento il fumettista Alessio Fortunato, autore dell’opera originale a cui si ispira l’istallazione e l’artista Cosmo Molfetta, realizzatore dell’opera; sarà anche presente l'associazione Arcnea con installazioni di arte contemporanea. Modererà la dottoressa Anna Molfetta.