Gli agenti fitosanitari Arif in azione tra Massafra, Mottola e Palagiano per il monitoraggio Xylella

Cronaca
visibility1943 - lunedì 22 giugno 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Xilella
Xilella ©

L'Agenzia Regionale per le Attivita Irrigue e Forestali comunica che, da lunedì 22 giugno, riprendono i controlli per il monitoraggio della Xilella.

Questo il comunicato ufficiale dell'ARIF Puglia:

"Monitoraggio Xylella, da lunedì 85 squadre in campo. Buone pratiche in agricoltura, monitoraggio e abbattimenti. Sono questi i capisaldi imprescindibili della lotta alla Xylella fastidiosa. Se le buone pratiche toccano ai proprietari terrieri, monitoraggio e abbattimenti delle piante infette sono compiti demandati all’Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali.

«A maggio abbiamo cominciato il monitoraggio 2020 con alcune squadre in campo e dobbiamo sottolineare che c’è stata collaborazione e ottima accoglienza da parte dei titolari dei terreni. Inoltre – precisa il Commissario straordinario dell’Arif Gennaro Ranieri – abbiamo dovuto mettere a punto le procedure in relazione alle disposizioni restrittive legate all’epidemia Covid 19. Queste hanno impattato non poco su molte fasi delle operazioni di monitoraggio. Ora però da lunedì spieghiamo tutte le forze a nostra disposizione, per sbarrare il passo alla Xylella. Come è noto abbiamo abbattuto qualche giorno fa 23 ulivi risultati infetti in territorio di Locorotondo, in provincia di Bari, ma sempre in zona contenimento. Occorre quindi un monitoraggio attento e capillare ed è necessario agire tempestivamente. Da lunedì 22 giugno ci saranno in campo 85 squadre, il che significa 170 agenti fitosanitari, pronti a monitorare palmo a palmo il territorio».

Delle 85 squadre, una trentina saranno schierate lungo il confine fra zona cuscinetto e zona contenimento. Procederanno all’interno delle 2 aree, rispettivamente per 1 chilometro. Toccheranno i comuni di Fasano, Monopoli, Alberobello, Locorotondo e Martina Franca. Altre squadre monitoreranno in zona cuscinetto, dallo Ionio verso l’Adriatico, nei comuni di Palagiano, Massafra e Mottola. Tre squadre infine lavoreranno sui buffer di Locorotondo, cioè nei 100 metri intorno agli ulivi infetti abbattuti qualche giorno fa."