Calcio, Cellamare ko: il Palagiano torna a sorridere

Sport
visibility101 - lunedì 18 ottobre 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Calcio, Cellamare ko: il Palagiano torna a sorridere
Calcio, Cellamare ko: il Palagiano torna a sorridere ©

Il Palagiano, reduce da 2 vittorie consecutive ma dal cocente ko in coppa Italia, a caccia di continuità in campionato, regola per 2 a 1 un rognoso New Team Cellamare, capace di complicare la vita ai padroni di casa ma allo stesso tempo far vivere una gara dalle mille emozioni.

Partenza che vede, come solito, il Palagiano cercare di prendere padronanza del campo alzando sin dalle prime battute il baricentro e avendo un pressing abbastanza alto, ma al 6’ gli ospiti guadagnano una punizione da oltre 35 metri e il loro 10, Patruno, fa partire una traiettoria velenosa che beffa Fanelli e porta a sorpresa in vantaggio il Cellamare. 

La partita si surriscalda e prende l’onda delle emozioni a non finire al 29’: Gravina sulla sinistra salta Scarpa e viene steso conquistando un calcio di punizione. Su quegl’attimi di gioco fermo succede l’inaudito con una feroce mischia che vede protagonista Genchi degli ospiti venire espulso per una manata nei confronti di Tanzarella e Palagiano che nuovamente si ritrova in casa nella condizione di 2 settimane fa: 11 contro 10 a favore. Condizioni che non scoraggiano gli ospiti che trovano a sorpresa con Scarpa una traversa clamorosa rischiando di raddoppiare. Palagiano che risponde con un corner dove Mastrangelo prova a destreggiarsi con una rovesciata di poco larga Gialloblù che provano a premere ed alimentare la manovra offensiva e li premia al minuto 42 quando Gravina, sulla sinistra scambia con un favoloso "uno-due" con Maggi e, inserendosi nel vertice basso sinistro dell’area di rigore, fa partire il suo mancino ad incrociare sul secondo palo che batte il portiere e porta all’intervallo i suoi sull’1-1. 

Ripresa che parte con i locali che continuano a provare il gol e, prima con una cavalcata di Trawally che mette al centro con Camara che stoppa male dinanzi il portiere e poi con un’altra occasionissima che vede ancora Camara protagonista, sfiorano il raddoppio. Ma c’è un nuovo colpo di scena al minuto 83: Intini, già ammonito nella prima frazione, commette un fallo in mezzo al campo e per il direttore di gara ci sono gli estremi per il secondo giallo e l’automatica espulsione che ristabilisce la parità numerica in campo. 

Palagiano che non si scoraggia e prova l’arrembaggio finale e l’ultimo colpo di scena lo si ha al tramontare del terzo di recupero, praticamente all’ultima azione quando Luccarelli (all’esordio stagionale), apre sulla destra Capriolo che mette un cross al centro dove Mastrangelo prova in rovesciata e diventa un assist a Luccarelli che, nell’area piccola, da rapace, insacca sul primo palo alla sinistra del portiere avversario mandando in paradiso i suoi e facendo esplodere definitivamente lo Stea, già infuocato per tutta la partita, regalando la 3^ vittoria di fila alla Gioventù.