Coppa Puglia: il Castellaneta si qualifica, il Ginosa recrimina

Sport
visibility803 - lunedì 28 settembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Un'azione di gioco
Un'azione di gioco ©

Termina in parità la gara di ritorno tra Ginosa e Castellaneta: un 2-2 che consente alla compagine biancorossa di qualificarsi al turno successivo.

I biancazzurri, dal canto loro, recriminano per una direzione arbitrale giudicata non all'altezza della posta in palio.

Gara blanda nella prima frazione a cui ha risposto una ripresa più vibrante. Al minuto 14 il Castellaneta passa in vantaggio: Facecchia, ben servito in profondità, salta Sportelli in uscita ma viene leggermente sbilanciato. Penalty che lo stesso Facecchia trasforma.

I biancazzurri ripartono a testa bassa ed al 33’ riescono a scardinare la retroguardia ospite trovando il pari grazie al baby Pulpito che raccoglie sul secondo palo un cross a pelo d’erba di Carlucci e deposita nel sacco.

La ripresa risulta leggermente più emozionante con alcune azioni in più degne di nota.

Gli ospiti si difendono con ordine ed al 32’ piazzano il colpo dell’1-2: sugli sviluppi di un angolo battuto da De Carlo, D’Andria incorna sotto misura sorprendendo la retroguardia ginosina con la sfera che si spegne nell’angolo opposto alla destra di Sportelli.

Il Ginosa non ci sta a perdere ed al 48’ Guerra, su calcio piazzato dalla distanza, scarica una sassata che si infila alle spalle di Rossini, fissando il punteggio sul 2-2 finale.

GINOSA – CASTELLANETA 2-2

GINOSA: Sportelli, Pignatale, Carlucci, Guerra, Ola, Labalestra, Donno (17’ st Carbone), Pulpito, Cereseto (31’ st Scarci), Loconte (31’ Camara), Casale. A disp.: Tanzi, Maddalena, Tubazio, Carbone, Sportelli, Fanelli. All. Pizzulli

CASTELLANETA: Rossini, Moretti (47’ st Gasparre), Russo, Prete, D’Andria, Leone, Pentimone (38’ st Marraffa), De Carlo (47’ st Ramirez), Facecchia, Gatto (29’ st Rizzo), Armenise (44’ st Monaco). A disp.: Lavarra, Lecce, Montanaro, D’Onofrio. All. Danza

ARBITRO: Francesco Mallardi di Bari (Assistenti: Davide Bono e Giuseppe Francesco Magnifico di Bari).

RETI: pt 14’ rig. Facecchia (C), 33’ Pulpito (G); st 32’ D’Andria (C), 48’ Guerra (G).

NOTE: Ammoniti Pignatale, Carlucci, Pulpito, Loconte e Scarci (G), Rossini e Moretti (C).